Ciao Peppino

Il gelato del Bar Roma, preparato con passione da Peppino, ha segnato il passaggio obbligatorio nelle estati di molte generazioni.

Peppino del Bar Roma
Peppino Calianno

Peppino metteva molta passione nel suo lavoro, all’interno di quel bar che non ha mai voluto rinnovare perché ha il suo fascino così com’è.

Lo storico Bar Roma, Peppino lo ha rilevato a fine anni ‘70, tornando dalla Germania dove aveva trascorso tanti anni da emigrato. Lui era partito per cercare lavoro, esattamente come molti suoi coetanei. Ad un certo punto ha deciso di tornare al paesello e rilevare il bar dove ha trascorso quasi tutti i giorni della sua vita, insieme a sua moglie Maria a cui era legatissimo.

Ognuno ha i suoi ricordi, ma tutti sanno quanto Peppino fosse di poche parole, molto riservato e sempre al suo posto nel rispetto di tutti.

Negli ultimi periodi ha dovuto restare a letto a causa di una dolorosissima malattia. Affettuosamente accudito da Maria e dai figli Angelo e Donato, ragazzi straordinari che, pur avendo fatto altre scelte di vita, sono stati sempre pronti a sostenere i genitori, anche nella conduzione del bar.

Peppino questa mattina ha finito di soffrire, ma il suo gelato e il suo bar Roma resteranno nella storia di Cisternino e nei ricordi di chi considerava un rito mangiare il suo gelaeto.

Please follow and like us:

Lascia un commento