Privacy Policy Casalini in lutto –

Casalini in lutto

La comunità di Casalini, Frazione di Cisternino, continua a soffrire per le sue perdite. Il primo paziente colpito dal Coronavirus non ce l’ha fatta.

Il 65enne Mauro Amati è rimasto oltre 20 giorni in terapia intensiva al “Perrino” di Brindisi ma qualche ora fa il suo cuore ha smesso di battere.

Usare parole di stima nei suoi confronti è molto naturale. Si trattava di una persona molto attiva nella comunità, sempre disponibile per gli altri, molto presente in parrocchia col parroco Padre Tito e nel volontariato con il suo impegno nella raccolta del sangue attraverso la Fratres, sempre al fianco del presidente Pasquale Zaccaria, come al predecessore Paolo Semeraro, e di tutti i soci che avevano bisogno.

Un lavoratore infaticabile, sia nelle industrie a Taranto, da cui si era pensionato, ma anche nei suoi terreni che conduceva con passione.

Mauro era soprattutto un esemplare padre di famiglia, sempre accanto alla moglie Maria e un faro per i suoi tre ragazzi: Angelo, Gianrico e Daniele.

Il suo impegno di cittadino lo poneva sempre in prima fila per discutere del bene della Frazione a cui era legatissimo. I suoi pensieri “non li mandava a dire”, sempre diretto ed efficace, senza cattiveria ma neppure peli sulla lingua.

A questo dramma si aggiunge il fatto di non poterlo salutare per l’ultima volta come Mauro avrebbe meritato, le regole giustamente imposte dal Governo negano la celebrazione del rito funebre.

Il suo estremo sacrificio deve servire a comprendere ancor di più la serietà della situazione e la necessità di difenderci e proteggere le nostre vite e quelle dei nostri cari.



Porta Grande; salute; emergenza coronavirus; covid19; cisternino; valle d’itria; chiesa; chiesa madre; messa; domenica; cronaca; morto paziente 1 coronavirus;

Please follow and like us:

Lascia un commento