Privacy Policy lettera al sindaco di Cisternino di Pietro Angelini - Caro sindaco... ti scrivo –

Caro sindaco… ti scrivo – lettera al giornale –

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta del sig Pietro Angelini, che fa alcune riflessioni e domande al sindaco sui miglioramenti che si possono fare per la nostra Cisternino.

Lettera al sindaco di Cisternino di Pietro Angelini

Premesso che sono allergico ai comizi e non partecipo ad un comizio di qualsiasi natura  trattasi  da molti anni.-   Sono rimasto ieri sera, giovedì 17 penultima serata di campagna elettorale,  nel vedere  che stavano allestendo la villa comunale, dove sembra che  ci sarebbero stati un paio di comizi, della candidata  Grassi di Cisternino prima e successivamente  del consigliere uscente Amati di Fasano.-  E la domanda che  mi sono fatto?  che fine ha fatto la sentenza del TAR di Lecce di qualche anno fa, che vietava la somministrazione di alimenti in piazza Vittorio Emanuele, su   ricorso dell’allora amministrazione?  Anch’io protestai anni addietro, mi sembra con l’Amministrazione Amati e quindi protesto ancora oggi; in piazza Vittorio Emanuele non si deve mangiare, a parte comizi elettorali o altre manifestazioni.-

Lettera al sindaco di Cisternino di Pietro Angelini
Pietro Angelini foto di Piergiorgio Zizzi

Non sono contrario, che nelle varie vie e viuzze si serve di tutto ed a tutte le ore;  c’è gente che non vorrebbe il servizio neanche nelle stradine, ma questo ormai fa parte del nostro territorio e quando parlo di territorio, non parlo solo di Cisternino, è diventato uno status quo  di tutti i paesi confinanti,  questo fa parte del turismo nel bene o nel male, ma almeno possiamo avere la piazza  principale del paese libera da bombette e quant’altro?.-

Onestamente sig. sindaco non è accettabile una situazione del genere, se vogliamo mantenere il turismo nel tempo, sono altre le condizioni che il paese deve fare ed affrontare.

–   Voglio raccontarvi al riguardo un  episodio al quale  ho assistito domenica  6 settembre; ero nei pressi della farmacia  Itria in Via Roma e davanti a me c’era una copia con due figlie di 10/12 anni, non sono riuscito a capire la lingua che mi sembrava un misto tedesco inglese, comunque ho capito che contavano le cicche che stavano nei buchi vicino ai tronchi degli alberi di Via Roma.-  Ho contato anch’io quelle cicche,  decine di cicche   per ogni albero.-

Capisco che è domenica mattina, è domenica per tutti, ma non è possibile in una città che vuol fare turismo che tollera situazioni del genere e non parliamo della villetta sotto la Madonnina in via San Quirico, piena di rifiuti di ogni genere ed erbe che crescono senza alcun controllo.

– Chiaramente la colpa è nostra gli sporcaccioni siamo noi, ma nello stesso  tempo dobbiamo  attrezzarci  per limitare certi danni e far capire a noi sporcaccioni  che dobbiamo comportarci civilmente nei nostri confronti, prima ancora degli ospiti che vengono nei nostri paesi.-

Aggiungere altro, mi sembra di  mettere il dito nella piaga:  ho segnalato sig. sindaco i pullman delle scuole abbandonati in via IV Novebre dall’inizio dello scorso anno, quando il servizio di trasporto delle scuole fu affidato alla ditta Ciccimarra.

– Magari l’Amministrazione  paga anche le assicurazioni ed i bolli,  sono cose che la gente passa e vede e non capisce l’abbandono di certe realtà.-

E un’ultima nota sig. sindaco e  mi riferisco soprattutto all’Assessore al ramo; mi riferisco alla via vecchia per Locorotondo, partendo dalla discesa di Sant’Anna.- Questa strada  che è  una passeggiata formidabile e una ciclabile  straordinaria  si può arrivare fino ad Alberobello senza toccare la via principale è piena di mondizie di ogni genere e sono anni che non si fa nulla.- Che la colpa è sempre nostra, non mi stancherò mai di sottolinearlo, ma se non facciamo un minimo di pulizia è un invito a lasciare altro sporco.-

Questi sono i punti che fanno la differenza di un paese e questo è importante per noi in primis e vale il doppio per gli ospiti che vengono  a visitarci.-

Cordialità

Pietro Angelini

Please follow and like us:

Lascia un commento