Privacy Policy Come sopravvivere ai tempi del COVID – I consigli del dottor Canzio

Come sopravvivere ai tempi del COVID

dott. Giovanni Canzio

Come sopravvivere ai tempi del COVID

Dobbiamo affrontare alcuni mesi difficili ma senza paura e con la conoscenza di alcuni comportamenti da adottare. Mi permetto quindi di fornire alla popolazione di Cisternino e a tutti lettori di Porta Grande un vademecum per i casi più frequenti, alla luce delle direttive ministeriali e dell’esperienza acquisita in questi mesi:

Come sopravvivere ai tempi del COVID

A)  Paziente con febbre, tosse e mal di gola:  
– Contattare telefonicamente il medico e seguire le sue indicazioni.
– Non recarsi personalmente al pronto soccorso o dal proprio medico curante e non chiamare il 118.
– Non lasciarsi prendere dal panico perché decine di virus banali circolano nel periodo invernale.
– Osservare la permanenza domiciliare con isolamento.
– Il raffreddore comune senza febbre non è un sintomo caratteristico del Sars-Cov-2.

B)  Persona che ha avuto uno stretto contatto con un caso positivo confermato:
– Contattare telefonicamente il medico e seguire le sue indicazioni.
– Non recarsi personalmente al pronto soccorso o dal proprio medico curante e non chiamare il 118.
– Osservare la permanenza domiciliare con isolamento  per 14 giorni.
– In alternativa, osservare l’isolamento per 10 giorni  ed eseguire un test al decimo giorno su indicazione del Dipartimento di Prevenzione o del medico (tampone rapido antigenico o molecolare).

C) Persona con test positivo:
Asintomatica: isolamento per almeno 10 giorni e con un tampone molecolare negativo al decimo giorno (10 gg + test).
Sintomatica: isolamento per almeno 10 giorni dall’inizio dei sintomi e con un tampone molecolare negativo effettuato almeno dopo 3 giorni senza sintomi e mai prima dei 10 giorni.
Positiva a lungo termine:isolamento per almeno 21 giorni dall’inizio dei sintomi e con assenza di sintomi da almeno una settimana.

– Dai sintomi sono esclusi la scomparsa di gusto e olfatto perché possono persistere a lungo dopo la guarigione.

ISOLAMENTO si intende rimanere in casa, lavare spesso le mani con sapone o soluzioni alcoliche, usare posate e biancheria personali, aprire le finestre regolarmente per il ricambio di aria, misurare la temperatura due volte al giorno, evitare contatti ravvicinati con i conviventi.

Chi ha sintomi, in attesa del tampone, restare chiusi nella propria stanza da soli, indossare la mascherina in casa, usare rigorosamente fazzoletti monouso.  

– Per CONTATTO STRETTO CON UN POSITIVO si intende: chi convive, chi ha avuto contatto fisico (stretta di mano per esempio),  vicinanza per almeno 15 minuti a 2 metri di distanza, co-presenza in un ambiente chiuso in assenza di protezioni idonee, i compagni di viaggio, chi viaggia in un mezzo di trasporto entro due posti.    

Il tampone molecolare viene prenotato dal medico  o dall’utente,  al numero 0831 537170, numero potenziato con un nuovo centralino computerizzato e un aumento degli operatori. Ora è possibile chiamare tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17,  sabato e domenica dalle 10 alle 13.

Un ultimo consiglio: evitate di accedere agli studi dei medici di famiglia senza prenotazione. La maggior parte delle prestazioni (prescrizioni farmaci, visite e indagini)  può essere eseguita on line tramite il FSE (Fascicolo Elettronico Sanitario) o inviata per posta elettronica.  Quando possibile scrivete messaggi o mail per le prescrizioni e i consigli vari. Sarete ricontattati se non è possibile rispondere immediatamente. Riceviamo centinaia di telefonate al giorno e lavoriamo per 12 ore consecutive perché il carico di lavoro (burocrazia compresa) è aumentato a dismisura. Un particolare ringraziamento va rivolto ai farmacisti e al  loro personale dipendente per la estrema collaborazione in questo momento di grave difficoltà.  Armiamoci tutti di pazienza.    

31 ottobre 2020

Please follow and like us:

Lascia un commento